Idee per le prossime inchieste sulla sanità de Le Iene

A mio parere Le Iene è stato per molti anni uno dei migliori programmi di intrattenimento della tv in chiaro, per quanto contro Carlo Conti e Massimo Giletti anche un fermo immagine di una constatazione amichevole di incidente avrebbe buona possibilità di spuntarla. Il loro punto di forza è sempre stato lo stile accattivante: i servizi hanno un ritmo serrato che tiene facilmente lo spettatore inchiodato alla sedia, riuscendo in alcuni casi a trasmettere anche messaggi seri.

Dalla sua nascita il programma di Davide Parenti ha esteso di molto il proprio campo d’azione, passando dal puro cazzeggio di fine anni ’90 a una gamma di servizi che prevede il più classico “sbatti il mostro in prima pagina” (Le Iene adescano un pedofilo tramite un complice che si finge un ragazzino -> il pedofilo stranamente ci casca -> INCREDIBILE! -> Le Iene si presentano con la telecamera e gli fanno la paternale -> il mondo è un posto migliore), validi reportage di Pablo Trincia e Luigi Pelazza, il genio unico di Enrico Lucci, le idiozie di Duro, Matano, Corti e Pio & Amedeo (praticamente i cento giorni dalla maturità fatti televisione) e servizi sulle truffe che tornano utili a molti cittadini (io stesso mi rivolsi a loro in passato dopo che il mio e altri gruppi furono truffati da un’etichetta discografica).

C’è poi un’altra categoria di servizi passata in pompa magna ultimamente e su cui Le Iene hanno i maggiori problemi: quelli sulla sanità. Diciamoci la verità, quando Le Iene affrontano questo tipo di argomenti hanno più o meno la stessa attendibilità di un trattato peer reviewed su Kierkegaard redatto dal mio fermacarte, e infatti hanno preso clamorose cantonate, come l’ormai celebre serie di servizi di Giulio Golia sul metodo Stamina e la più recente inchiesta di Matteo Viviani sul veganesimo come cura contro il cancro, basato su una ricerca già ampiamente sbugiardata da uno studio di cui potete trovare una traduzione qui.

(Intendiamoci, la mia non è un’arringa contro i vegani: credo che un’alimentazione basata su cibi vegetali possa essere utile a prevenire il cancro, ma da qui a provare che può curarlo ne passano almeno tre o quattro libri di Giovanni Veronesi.)

Da un lato queste difficoltà sono comprensibili: Le Iene è un programma di intrattenimento e fare informazioni su un argomento serio come la sanità è oltre le sue possibilità. Con tutta la buona volontà del mondo, se di mestiere hai fatto per vent’anni il macellaio è difficile che ti inventi restauratore di beni culturali da un giorno all’altro. Non puoi parlare della SLA in dieci minuti di servizio, tagliando risposte a cazzo, e soprattutto la tendenza de Le Iene a voler denunciare il marcio in tutto è poco adatta a un campo in cui serve un’obiettività totale.

Questo detestabile approccio all’informazione diventa ancora più grave se consideriamo che Le Iene hanno un pubblico di milioni di persone, molte delle quali pendono dalle loro labbra, e la cosa riveste particolare importanza in un’era in cui c’è una scarsissima attitudine a verificare le fonti e ragionare con la testa propria (cosa che è ancora più difficile fare se provi la disperazione tipica di chi sta combattendo contro un male incurabile). Se poi ci mettiamo che Le Iene trasmettono spesso immagini emotivamente toccanti – bambini malati, anziani, yogurt con l’alluminio strappato male – capiremo che la loro responsabilità verso il pubblico dovrebbe portarli a usare più cautela nel trattare tali argomenti.
Insomma, vi immaginate cosa potrebbe succedere se Silvio Berlusconi lanciasse invettive in mondovisione contro la magistratura?
(D’accordo, ho sbagliato esempio.)

Le Iene però sembrano negare quest’evidenza, anzi: non senza una certa arroganza rigettano le accuse e faticano a scusarsi per aver indotto il pubblico a credere a tesi dubbie. E visto che tale tendenza non sembra voler cambiare, ho ideato per loro tre servizi sulla sanità che spero vogliano realizzare nella prossima stagione.

Prima di iniziare voglio precisare che questo è un articolo di satira senza alcuna base reale, e non è mia intenzione ironizzare su malattie serissime con cui migliaia di persone combattono ogni giorno. Voglio piuttosto di mettere alla berlina la leggerezza con cui Le Iene trattano i suddetti argomenti, cosa che peraltro credo facciano per ingenuità e non in malafede.

GUARIRE DAL CANCRO ABOLENDO IL CONGIUNTIVO

Stefano è un cassaintegrato Alitalia che nel dicembre del 2012 ha scoperto di avere un tumore incurabile al pancreas. I tempi interminabili della sanità italiana non gli hanno permesso di curarsi efficacemente e il pover’uomo non ha i soldi per ricorrere ad assistenza sanitaria privata. Un giorno Stefano stava cercando di parcheggiare a stazione Termini, ma nell’unico posto libero stava dormendo un barbone. Dopo aver cercato di spostarlo per farsi spazio il barbone l’ha guardato negli occhi e gli ha detto che anche lui un tempo aveva un cancro al pancreas, ed esasperato dagli scarsi risultati della chemioterapia ha deciso di curarsi da solo abolendo il congiuntivo. Ha infine aggiunto: “hai du’ spicci per un bicchiere de vino?”
Oggi Stefano sta benissimo. Da quando usa l’imperfetto la massa tumorale si è ridotta considerevolmente e non ha più la spossatezza che gli causava la chemioterapia. Inspiegabilmente, però, la comunità scientifica si rifiuta di riconoscere l’abolizione del congiuntivo come metodo per curare il cancro, probabilmente per tutelare gli interessi delle case farmaceutiche che lucrano sui farmaci chemioterapici. A un commosso Giulio Golia, che gli chiede cosa si sente di dire a chi affronta situazioni difficili come la sua, Stefano risponde: “pensavo che non avevo speranze. Sarebbe tutto più facile per chi sta male se la comunità scientifica riconosceva l’imperfetto come cura contro il cancro. A chi sta lottando dico: non mollate. Se avevo mollato io oggi nessuno sarebbe qui a raccontarvi queste verità.”

I JOY DIVISION CURANO LA SLA

Rachele, una dolcissima bambina di appena sei anni, ha scoperto in tenera età di essere affetta da sclerosi laterale amiotrofica (SLA). Dopo aver tentato innumerevoli cure farmacologiche a base di riluzolo, il padre di Rachele trova su IndyMedia il contatto di Emilio, un ex produttore discografico che nel 1995 scoprì di essere affetto da una grave malattia neurodegenerativa progressiva, e insoddisfatto della terapia farmacologica si recò in Costa Rica a incontrare Raoul, un medico che proponeva un metodo rivoluzionario per trattare questo tipo di patologie: aveva infatti scoperto che ascoltando ripetutamente Unknown Pleasures dei Joy Division dalla traccia 4 alla 10 la progressione della malattia si arresta.
Emilio decide di portare Raoul in Italia e in uno scantinato iniziano a progettare lettori mp3 che includano solo queste canzoni e le ripetano in loop. Matteo Viviani inquadra commosso la piccola Rachele e il padre che commenta “lo vedete? Adesso muove la bocca al ritmo delle parole di She’s lost control, una cosa impensabile fino a qualche tempo fa. I medici sostengono che questi progressi non abbiano rilevanza scientifica, ma non vedete? È assolutamente evidente.” Inspiegabilmente, però, la comunità scientifica si rifiuta di riconoscere la terapia Joy Division come metodo per curare la SLA, probabilmente per tutelare gli interessi delle case farmaceutiche che lucrano sui farmaci a base di riluzolo.

RETWETTARE ZEROPREGI CONTRO L’IMPOTENZA

Torna alla ribalta Davide Vannoni: stavolta sostiene di aver ritrovato le vere due terzine conclusive de La Divina Commedia di Dante Alighieri, tenute volutamente nascoste dall’Accademia della Crusca, le case farmaceutiche e buona parte dei filologi italiani. Queste due terzine, la cui copia originale Vannoni non vuole condividere, recitano le seguenti parole:

Gaglioffo fu quel membro impertinente
che d’ergersi saper non ne voleva
causandomi lo scherno della gente.

Ma quel retweet per me fece da leva
e @zeropregi devo ringraziare
perché risolse ogni mio problema.

Il che porta un commosso Giulio Golia a due fondamentali conclusioni: (i) nel quattordicesimo secolo esistevano già Twitter e @zeropregi; e (ii) retweettare @zeropregi è una valida cura contro l’impotenza. Vannoni sostiene infatti che dopo aver retweettato compulsivamente tutte le sue battute, i problemi di erezione dei suoi pazienti sono scomparsi del tutto. Inspiegabilmente, però, la comunità scientifica si rifiuta di considerare il metodo “retweet zeropregi” come valida cura contro l’impotenza, probabilmente per tutelare gli interessi delle case farmaceutiche che producono il Viagra e celare il grande segreto dell’esistenza di Twitter dai tempi di Guelfi e Ghibellini. Il servizio si chiude con un toccante sit-in di decine di pensionati infelici con i cartelli “un retweet ci tira su”.

E voi avete altre idee da suggerire a Le Iene? Se sì scrivetele pure nei commenti, e magari condividete il post con l’hashtag #lasanitàsecondoleiene. Le migliori proposte saranno premiate con un cazzo di niente.

Share this...
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on RedditEmail this to someone

Commenta

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *