(senza titolo)

a che pensi, cosa, a che pensi dico, in che senso, no è che guardavi il soffito da un po’ mi chiedevo a che pensavi, ah a niente, come a niente mica non si pensa a niente si pensa sempre a qualcosa, be’ in realtà sì pensavo a qualcosa, e cosa dimmi, no mi chiedevo a cosa pensassi tu, ah, sì mi chiedevo a cosa pensassi tu, be’ mi sembra strano, in che senso, io ti chiedo a che pensi e tu mi rispondi che pensavi a cosa pensavo io insomma sei un po’ paracula, come paracula, sì dài stai evitando la domanda, ma tu a che pensi, scusa te l’ho chiesto prima io, sì ma mi chiedevo a che pensavi, non si risponde a una domanda con un’altra domanda, ma io non ho risposto a una domanda con una domanda io prima ti ho risposto ti ho detto che pensavo a cosa pensassi tu e poi ti ho chiesto a che pensavi, sì ma te l’ho detto è un po’ paraculo, ma io ti giuro che pensavo a quello, vabbè dai basta, eh ma tu a che pensavi, io te lo dico, sì dimmelo, io non dissimulo come te, piantala, vabbè io pensavo che mi piace guardarti mentre guardi il soffitto dopo che, ah sì, sì e pensavo pure che eri molto bella mentre guardavi il soffitto, ah ero bella non me lo dici mai, be’ ora te l’ho detto, sai anche tu non sei male, eh non sei male, sì non sei male e anche a me piace che mi chiedi a che penso mentre guardo il soffitto dopo che, ti fa piacere, ma sì che mi fa piacere, ti va un bicchiere di vino, sì mi va prendi anche le sigarette, sì prendo le sigarette, sto bene sai, sì sto bene anche io

Share this...
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on RedditEmail this to someone

Commenta

comments