Barbari.

Pic: wobbinx3.

Donne senza uomo né casa stabile che la sera ti presentano militari russi che hanno conosciuto pochi giorni prima. Non si cagano per niente tutta la sera, ma in discoteca, al terzo vodka tonic, iniziano a sorridersi e solleticarsi le dita. Tu li guardi e lo potresti dire subito: questi scopano.

Cinquantenni divorziate che al posto della fede all’anulare sinistro indossano gonfi anelli con rubini farlocchi incastonati. Il figlio è in Indonesia e quest’anno non ha ancora dato un esame. A cena versano prima il vino nel tuo bicchiere perché si vergognano di riempire di nuovo il loro, che svuotano troppo in fretta. Ridono solo a fine serata, quando sono completamente ubriache.

Peruviane al sesto mese di gravidanza che seguirebbero il marito francese in qualsiasi buco del culo del mondo, non perché credono nel concetto di “noi”, ma perché sono solide in sella a una vita comoda, irrinunciabile e abbastanzista.

Trentaduenni tedesche senza fede al dito che mi guardano lascive e sorprese nel momento in cui apprendono che suono e scrivo. Non vi pare vero di avere davanti qualcuno che pensa a qualcosa di diverso rispetto alla prossima task force sul Medio Oriente, e l’unico orologio che indossate è quello biologico.

Canuti ambasciatori austriaci sovrappeso senza casa, il cui migliore argomento di conversazione è la differenza nei prezzi dei taxi tra la Guinea Bissau e la Costa d’Avorio. Vi ritrovo la sera silenti a cena con quindicenni mauritane in attesa di pagare il conto per andare in albergo ad agitarle in fica quello che resta del vostro cazzo.

Voi che fate tanto i tolleranti, ma in realtà avete solo portato il razzismo a un nuovo stadio. Non considerate inferiori i negri, considerate inferiori certi negri.

Dio, quanta tristezza mi fate.

Altri articoli nella stessa categoria: #barbari

DAL FRONTE DEI COLPEVOLI.
Stasera a partire dalle 23:00 interverrò nel corso della trasmissione radiofonica OrcoTrio. Se volete ascoltare la diretta potete farlo dal sito ufficiale di Radiocicletta. Altrimenti fottetevi!

Share this...
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on RedditEmail this to someone

Commenta

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *