Strategie

Provarci con una donna non è una strategia sentimentale: è militare.

NOVE FEBBRAIO DUEMILADODICI, ORE UNDICI E ZERO DUE.
“Recreational Vehicle, qui Tamburino, mi sentite?, passo.”
“Qui Recreational Vehicle, forte e chiaro.”
“Bene. Sono nella zona B, area fumatori, angolo sud-sudest. Il bersaglio è stato avvistato l’ultima volta nei pressi degli ascensori, si presume voglia recarsi a fumare.”
“Ricevuto, Tamburino. Armi?”
“Un cellulare, parlava al telefono. Sospetto rigonfiamento della tasca inferiore sinistra della giacca, potrebbe essere un pacchetto di sigarette, passo.”
“D’accordo. Cercheremo di sottrarle l’accendino, se possibile. Tu hai l’accendino di socializzazione con te?”
“Certo. Se passa è fottuta.”
“D’accordo. Un agente provvederà a indagare, passo e chiudo.”

NOVE FEBBRAIO DUEMILADODICI, ORE UNDICI E ZERO QUATTRO.
“Recreational Vehicle, mi sentite? Ancora nessuna traccia del bersaglio, passo.”
“Tamburino, c’è stato un imprevisto, il bersaglio è stato fermato da uno squadrone di avversari.”
Cosa? E chi?”
“Non ne siamo certi, ma a prima vista potrebbe trattarsi di assistenti generici della Torre Viola.”
“E come avete intenzione di procedere?, passo.”
“Per ora stiamo studiando la situazione.”
“D’accordo, se ci sono novità avvertite, passo e chiudo.”

NOVE FEBBRAIO DUEMILADODICI, ORE UNDICI E ZERO OTTO.
“Recreational Vehicle, mi sentite cazzo? Qua sto facendo la muffa!”
“Tamburino, salga a bordo, cazzo!”
“Cosa?”
“No, è che pare piaccia.”
“Ah, va be’. Ma qua ancora nessuna notizia del bersaglio.”
“C’è stato un intoppo, pare che lo squadrone di avversari stia portandola a prendere un caffè.”
“Ma porca puttana! Fateli fuori, cazzo!”
“Cosa?”
“Fateli fuori, ammazzateli tutti subito!”

Capite, ora, donne, quanto rischiamo noi uomini quando ci proviamo con voi.

Share this...
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on RedditEmail this to someone

Commenta

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *