Spam.

Come ho scritto anche nel mio romanzo Roma, lato B, ho un problema di fondo con le donne. O meglio, con le mie ex ragazze. Perché dopo che ci lasciamo, per un motivo o per un altro, poi non vogliono più sentir parlare di me. Mi bloccano su Facebook, gMail, Skype, cambiano città, stato, a volte anche pianeta.

E insomma, mi dispiace parecchio, perché va a finire che passo, che so, sei mesi, un anno, in una circostanza addirittura cinque anni con la stessa persona, e poi puf, cancellata, non la vedo né sento mai più.
Ma proprio mai, eh. Dico: neanche compleanni, Natale, condoglianze. Proprio mai. E ci devo pure fare attenzione, perché si incazzano: una volta stavo importando la rubrica di gMail su Skype, perché il mio vecchio account, mezzo_burino, non era poi tanto work-friendly, diciamo. E mi sono accorto che stavo per aggiungere anche Teresa, la mia ultima ex, che ora pare conviva con un certo Zvordsas 3200 nel pianeta Alpha Centauri (vedi i cambi di pianeta sovracitati).
E va a finire che quando voglio ascoltare la loro voce finisco per dovermi aggrappare a un ricordo lontano, di quando eravamo abbracciati sul divano mezzo rotto e guardavamo insieme Monster House.

Solo una volta, è successo qualcosa di diverso. Solo una volta mi è capitato di rivedere il nome di una mia ex fidanzata balzare fuori dalle notifiche Growl di gMail, convincendomi a chiamarla e riveder comparire le sue generalità retroilluminate sullo schermo del mio fantastico LG Optimus One.
Flavia.

“Pronto?”
“Flavia, ciao.”
“Oh. Claudio. Che vuoi?”
“Abbastanza bene, grazie, e tu?”
“Dimmi cosa vuoi, Cla’.”
“Ma no, niente, ti ho chiamato riguardo la mail che mi hai mandato.”
“Quale mail?”
“Quella del… aspetta che la ritrovo. È del due maggio scorso.”
“Non ricordo.”
“Delle diciassette e ventidue.”
“…qualche dettaglio in più?”
“Sì, aspetta. L’oggetto della mail è…”
“…”
Learn how to enlarge your penis naturally: 100% reliable method!
“…”
“Il testo dice: Dear friend, its great to suck and greater to ride, I am glad my guy upsized! Check out this website I found…
“Cla’?”
“Eh.”
“Mi sa che era spam.”
“Ah.”
“Eh, già.”
“Ah, ho capito.”
“Bene.”
“Be’, niente allora.”
“D’accordo.”
“Un bacio, a presto.”
“Ciao.”
“Comunque se ti arriva una voce fammi…”
Clic.

È un ricordo che conservo geloso.
Flavia è stata davvero l’unica, a rompere le regole.

Post correlati secondo criteri di dubbia valenza scientifica

Commenta

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *