Semplicemente, non sempre sbagli tu.

“Rogliano, ciao.”
“Bella, Cla’.”
“Come va?”
“Non male, grazie, e tu?”
“Bene, ma… hai…”
“Cosa?”
“No, è che…”
“Cosa? Che c’è?”
“È che ti sei scordato…”
“Che? Ho la barba sporca di dentrificio? Ho un morto di canna tra i capelli?”
“No, ma…”
“…la patta aperta, un verdone d’insalata tra gli incisivi? Cosa, Rogliano, parla, per Dio!”
“No, Cla’, è che ti sei dimenticato un vibratore anale sopra l’orecchio.”
“Oh, Cristo, scusa. Ultimamente proprio non ci sto con la testa.”
“Figurati, stiamo tutti così.”
“Di’ un po’, hai notizie di Marcello?”
“Ho saputo che adesso lavora in un negozio di elettronica a Testaccio.”
“Ah, sì, me l’hanno detto. Pensavo di andare a trovarlo, è un sacco di tempo che non lo vedo.”
“Eh, informati prima, non lavora tutti i giorni.”
“Ah, cazzo, volevo fargli una sorpresa.”
“Vabbè, allora chiedi a un suo amico.”
“D’accordo.”
“Però attento, perché in negozio sono solo in due, non è che abbia molti momenti liberi.”
“Ah. Vabbè, magari vado verso l’orario di chiusura.”
“Sì, ma attento comunque, perché non sta sempre fisicamente nel negozio, esce almeno una volta al giorno, tipo che va a prendere i pezzi dai rivenditori.”
“Ah.”
“Ma poi comunque da domani sta in ferie.”
“Ah, ok.”
“Già.”
“E quando torna?”
“Tra un mese, credo.”
“Eh, vabbè. Vorrà dire che ci andrò quando torna.”
“Non so se puoi.”
“Perché?”
“Tienitelo per te, ma mi ha confidato che ha in mente di uccidere sua madre costringendola a leccare le ghiandole parotoidi di una rana della famiglia Dendrobatidae.”
“Ah.”
“E poi vuole confessare tutto alla polizia e andare in carcere.”
“Ah, ho capito. Vabbè, lo andrò a trovare in carcere, allora.”
“Per i primi mesi non potrai, lo metteranno in isolamento.”
“Ah, già.”
“E poi ha intenzione di suicidarsi bevendo del cianuro.”
“Ah.”
“Eh, sì.”
“Ho capito.”
“Mh.”
“Eh… vabbè. Ok.”
“Ok.”
“Allora niente.”
“…alla prossima, allora.”
“Ciao ciao.”

Share this...
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on RedditEmail this to someone

Commenta

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *