Emergenza (“Roma, lato B” ora anche in formato cartaceo)

Emergente.
Gruppi emergenti. Scrittori emergenti. Attori emergenti. Quanto ce piace, ‘sta parola.
Emergente.
Emergente è un participio presente. Lo capite, questo? Vuol dire che emerge, nell’atto di emergere. C’è un verbo sotto, mica è solo un aggettivo.
Tu non sei uno scrittore emergente. Sei uno scrittore della domenica e basta. Dici emergente perché ti piace darti un tono.
Ma tu, io, noi, tutti noi, non andremo mai da nessuna parte. Non emergeremo mai. E non avendo neanche cominciato l’atto di emergere, non vedo perché dovremmo definirci emergenti.
Emerso, è Ammaniti. Max Gazzè. De Rossi.
Emergente, magari, è Dente. Il Teatro degli Orrori. Marco Archetti. Dani Jensen.
Io, sono ancora ben più che sommerso.

Bene, allora, tu che.
“Che bello! Hai scritto un romanzo! Dove lo trovo?”.
“Guarda, per ora è uscito solo come eBook, però…”.
“Ah! Magari allora aspetto il cartaceo, sai com’è, sono ancora vincolato alla tradizione”.
E io dico.
“Va bene, allora ti avverto o lo leggerai sul blog!”.
Ma penso.
“Letizia Moratti”.
“Che?”.
“No, dico: Letizia Moratti. Tu”.
“E perché?”.
“Così. Volevo insultarti”.

Da oggi non ci sono più scuse. Il mio romanzo d’esordio, Roma, lato B, è ora disponibile anche in formato cartaceo. Lo potete acquistare da qui.
Altrimenti c’è sempre l’eBook, disponibile su Book Republic, che si può comprare da qui. Per la versione Kindle, infine, cliccate qui.
Altrimenti, una buona notizia: Sampdoria in B.

Post correlati secondo criteri di dubbia valenza scientifica

Commenta

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *