Voglio una memoria RAM

ATTENZIONE: questo post è uno spin-off di Marco ha un cervello uessebbì.

Il 3 marzo ho compiuto ventott’anni.
Una tragedia irrimediabile, dal momento che mi priva definitivamente della possibilità di entrare a far parte del Club 27.
Già, perché io, da sempre ho l’impressione che morirò giovane.
Ma non per robe tipo cancri, infarti, incidenti stradali, sintonizzazioni accidentali su Radio Capital, overdose da discografia dei Libertines e tutte quelle stronzate inventate dalla Rai per tenere in piedi l’audience de I fatti vostri, no.
Io morirò giovane per la mia irrimediabile e incontenibile curiosità, una fame nevrotica di sapere tutto ciò che ho intorno, che si manifesta nei modi più disparati.
Dal gossip di basso bordo su quanti pompini ha fatto quella-che-non-me-la-dava-mai tra l’ora di religione e quella di educazione tecnica, fino all’irritante serie di domande con cui tempesto chiunque abbia a che fare con qualcosa che non conosco.
La vecchiaia mica si misura nel mero decadimento del corpo, nell’ingrigirsi dei denti, nell’incurvarsi nella schiena e nel pisciarsi addosso; la vecchiaia vera si misura in base a quanto sai, a quanto hai conosciuto, e conseguentemente a quanto sia in grado, ancora, di sorprenderti.
I professori universitari sembrano sempre vecchi perché sanno. Hanno imparato già tutto, e la vita gli si è ingobbita addosso.
Le veline sono sempre giovani perché per sorprenderle basta il forsenontuttisannoché della Settimana Enigmistica.

Io, voglio una memoria RAM.
Una roba minimalista, utile a svolgere le più essenziali funzioni vitali: svegliarsi, muoversi, mangiare, amare. Alzarsi la mattina, esperire il mondo, poi coricarsi e dimenticare tutto.
E vivere di ogni giorno un giorno nuovo. Ricominciare sempre da capo, scoprire, sviscerare, analizzare, imparare la vita come un uomo senza passato, come un bambino che stringe in mano un pupazzetto di quelli coi pulsanti, quelli che fanno i suoni, e ride ogni volta di una risata nuova, di un divertimento rinnovato, diverso e puro.
Perché è il passato, che prima o poi ti uccide.
Cercare intorno a sé quello che hai avuto in precedenza. O magari l’esatto opposto, che è dir la stessa cosa. Stamparsi in testa delle fotografie, imparare un corpo, delle immagini, dei paesaggi, i respiri nelle orecchie, i pomeriggi con gli amici al McDonald’s di Viale Europa, rivedersi in qualche modo così migliore e affannarsi nella continua ricerca di quelle sensazioni, inseguire di una corsa insensata tutto ciò che è già stato, perché l’uomo ha certezza di ciò che è stato, ma non di quello che sarà.

Come se poi si potesse, davvero, ricrearle, quelle sensazioni.
Come se poi si dovesse, davvero.
Ricrearle, quelle sensazioni.

Ma come vorrei avere i tuoi occhi
spalancati sul mondo come carte assorbenti
e le tue risate pulite e piene
quasi senza rimorsi o pentimenti
ma come vorrei avere da guardare
ancora tutto, come i libri da sfogliare
e avere ancora tutto
o quasi tutto
da provare

Vola, vola tu
dov’io vorrei volare
verso un mondo dove è ancora tutto da fare
e dove è ancora tutto
o quasi tutto
da sbagliare

Post correlati secondo criteri di dubbia valenza scientifica

Commenta

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *