Berlusconismo e iPhone

69 Flares 69 Flares ×

Ebbene sì, lo devo ammettere: odio l’iPhone.
Ma ancora di più, odio tutti quelli che hanno l’iPhone. Perché chi ha l’iPhone è troppo Berlusconiano.
Ora direte: eccheccàzzo, Cla’, mo’ chi je piace Spinoza è Berlusconiano, chi cià l’iPhone è Berlusconiano, e quanti cazzi.
E, turpiloqui a parte, avete ragione; ma consolatevi pensando che se aveste l’iPhone e al contempo vi piacesse Spinoza sareste Sandro Bondi.

Comunque.
Io l’iPhone lo odio perché costa una barca di soldi, e a me sta sul cazzo spendere una barca di soldi, perché ho una propensione marginale al consumo più o meno equivalente a quella che ha Massimo Moratti a fare una campagna acquisti degna di tal nome (e se pensate che in tal caso sia alta, allora siete Massimo Moratti).
Io ho un LG Optimus One con Android. L’ho pagato 215 euro. Ha tutto quello che ha l’iPhone. Se si eccettua il fatto che lo scrolling è solo di poco peggiore, la risoluzione è un po’ più bassa e se lo compri non diventi frocio.

In ogni caso, la formidabile lussuria sessuale che può regalare l’aprire le frontiere alla sconosciuta e discriminata pratica del sesso anale omosessuale non giustifica una differenza di prezzo di oltre 400 euro tra il mio cellulare e l’iPhone 4 (ma in realtà non potrebbe giustificarlo niente che non comporti l’uso contemporaneo di Cytherea, un cambio della macchina e un Pilsner Glass). Ma la cosa fantastica è che nessuna persona dotata di iPhone tra quelle che conosco è in grado di capire questa semplice affermazione. Qualunque cosa tu dica loro, qualunque argomentazione tu apponga per motivarla, le conversazioni tenderanno a prendere sempre la stessa forma.

Per esempio.
“Va be’, ma l’iPhone ha il menù fichissimo, guarda quant’è bello”.
“Né più né meno di quello di Android. Anzi, forse è peggio. Il mio lo puoi personalizzare di più”.
“Eh, ma io ciò ‘na cifra di applicazioni!”.
“Io forse un po’ di meno, questo è vero. Ne ho comunque tante, ma un po’ di meno di te sì. Vorrà dire che dovrò farmi una ragione di non avere il sensore che monitora la temperatura del mio piscio e la velocità di impatto con la ceramica del cesso”.
“Ma vuoi mettere come fa le foto l’iPhone?”.
“Ma tu hai mai visto una Reflex qualsiasi?”.
“Sì”.
“E secondo te faceva belle foto?”.
“Be’, sì”.
“E secondo te esiste uno stracazzo di motivo per cui l’obiettivo della Reflex è grosso dieci volte quello dell’iPhone? Può, infine, tale motivo essere correlato al fatto che probabilmente non è fare le foto l’uso principale che dovresti fare del tuo cellulare?”.
“…ao’, ma io ciò iTunes!”.
“Che è un po’ come dire ao’, io ciò i vestiti!“.
“Va be’, però dài, questo è l’iPhone! Vuoi mettere?, è Apple!”.

Appunto.
Sempre così.
Finisce sempre così: non sanno più che dire, e allora blaterano ma questo è l’iPhone, ao’, bbàda, è da paura!
Proprio come i fan di Berlusconi.
Che non appongono uno straccio di evidenza empirica alle loro tesi: tutti i povericrìsti comunisti sono costretti a fumare sigarette nelle sedi impolverate del PCI, a raccogliere ogni indizio che sia anche lontanamente schiacciante nei confronti del tipo, là, quello pelato, anzi non proprio pelato, mentre i piediellìni sorridono i loro 32 denti smaglianti da ho dato una botta di cocaina mezz’ora fa e poi ho affondato la testa nella quinta di reggiseno di Zulejka, la badante slovena di mio nonno, e convincono più del cinquanta per cento degli Italiani senza mai dire assolutamente NIENTE di solido, provato, empirico.
È un complotto. La magistratura è deviata. Sono il premier più perseguitato della storia.
E i suoi seguaci non sono da meno.
Va be’, ma è Berlusconi, dài, Berlusconi è un grande!

Per questo motivo, se avete un iPhone fareste meglio ad apporre la vostra prossima crocetta su Italia, vi assicuro che sarebbe molto più coerente con la vostra persona.
E lo dico io, che da quando ho avuto il primo prodotto Apple non sono più tornato indietro. Sono un Maccarolo convinto.
E vorrei che lo fossero tutti, iPhone a parte.
Brucia un po’ il culo, ma vi assicuro che conviene.

69 Flares Facebook 68 Twitter 1 Google+ 0 Reddit 0 Email -- 69 Flares ×

Post correlati secondo criteri di dubbia valenza scientifica

Commenta

comments

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

69 Flares Facebook 68 Twitter 1 Google+ 0 Reddit 0 Email -- 69 Flares ×