‘A bionnolìscia e ‘a mororìccia (n’affresco romanesco)

Mentre cammino verso ‘a stazione Termini me renno conto che ‘a strada l’ho toppata de brutto.
Quanno giro verso piazza dei Cinquecento incrocio du’ ragazze.
Una, bionnolìscia, tira l’artra a sé, la vuole bacia’, è evidente, co’na faccia da eddài, eddàje, su, e annàmo, eddammedubbacétti.
L’altra, mororìccia, se ritrae, timida, ma a me m’è chiaro che no, me dispiace bionnolì, ma nun c’è storia, questa te sta a da’ er palo.
Quasi sorido, perché vede’ ‘na donna che pija’n palo, ‘nsomma, anche se no’ co’ n’omo… vojo di’, è sempre ‘na bella soddisfazione.
Me vie’ quasi voja de’nserimme, perché daje e ridaje a strattona’, la bionnolìscia s’è fatta insistente, ma poi me sento ridicolo, un cristone de’n metro e novanta a imbrutti’ ‘na pischella, aò, làssala sta’ ottecórco.

Salve, sì, buonaséra, devo anna’ a la Garbatella, fai Rosa Raimondi Garibbàrdi, che bus devo pija’?
Rosa Raimondi Garibbàrdi, famme pensa’, er nòve, er nòve ferma a via d’ee Sette Cchiese.
Salgo, e come ar solito, ogni posto è troppo stretto per le mie gambe.
Poi, pochi secondi dopo, salgono pure loro.
La bionnolìscia e la mororìccia, e mica se siedono de fianco.
Se mettono su du’ posti in fila, una davanti all’artra, tipo ar cinema, e scusi signo’, se po’ leva’ er cappello che nun ce vedo ‘na mazza?, e capisco subito che la mororìccia, zitta zitta è annata fino in fonno, mica s’è fatta convince, sa’?

La bionnolìscia è scazzata, scazzata de brutto, e lo vole fa’ vede’.
Poggia la testa sul finestrino, sbuffa, ma gnènte, la mororìccia non da’ segni de compassione, e allora ‘a bionna se vole fa’ nota’, se move, da’ pure un cazzotto al sedile davanti, e quanto se vede che je rode er culo!, de que’ rodimento de culo che solo l’amore pò da’, de quello che voresti solo ‘na domanda, voresti che lei te s’avvicinasse e te chiedesse aò, amò?
Machecciài?

E me renno conto che è mezza vita, che io no’ la provo, ‘na sensazione così.
Che oramai, meno me caghi e mejo sto, e anzi, se fai presto a levatte dai cojoni me fai pure’n piacere.
E me scappa’n pizzico de’nvidia, pe’ ‘ste du’ regazzine che ancora ce l’hanno, er fòco dell’amore.

Perché a’n certo punto la mororìccia cede, e je porge la mano, e la bionnolìscia pija a sbaciucchiajela, de quello sbaciucchia’ nevrotico, frenetico, ‘a fame der corpo, proprio, a partije dalle dita, sbavaje sui polsi e comincia’ a cammina’ lungo er braccio, a percore la strada viziosa dell’amore.
Ma poi la mororìccia s’embarazza, s’embarazza e se ritrae, chiude l’occhi e spegne er giochetto.

E je lo si legge’n faccia, a ‘ste du’ pischelle, tutta la vita che cianno dietro.
Je lo si legge’n faccia che una è lella e cioo sa, l’artra’nvece cià i dubbi, e pe’ quelli che cianno i dubbi, esse insistenti è la peggio cosa.

La bionnolìscia s’arende, chiude l’occhi e fa finta de dormi’, anche se se vede che sta ancora a aspetta’n segno, ‘na mano, ‘na carezza, ‘ntevojobbène.
Ma la mororìccia, chiude l’occhi e dorme pure lei, forse davéro.

E ‘sto romanzo muto se chiude qua, perché quarche minuto e ariva ‘a fermata loro, e le pischelle se arzano ed escheno, e io me chiedo chissà, chissà se ala fine la mororìccia cede e je la dà.
Le guardo dar finestrino e m’ee vedo spari’ così, in lontananza, confonnese manammàno cor paesaggio, tipo’n campo lungo de Pasolini.

A cammina’ sgangherate, a ssoreggese l’una coll’artra, fije fraciche de ‘sta Roma, madre bastarda che nun sa smette de fasse ama’.

Share this...
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on RedditEmail this to someone

Commenta

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *