Aggiorniamo il Palazzo della Civiltà Italiana!

Io vivo all’EUR.
È un bellissimo quartiere in cui vivere, l’EUR.
C’è tanto verde, un traffico tutto sommato sopportabile, ed è pieno di posti dove farsi le canne.
Ha solo un difetto, l’EUR.
La sua fottuta architettura razionalista, figlia del regime fascista che ha creato questo quartiere.

Aho’, ma che stai a di’, er Duce ha bonificato l’Agro Pontino, aho’!

Per carità, chi lo nega.
Solo che mi sono un po’ rotto il cazzo di questa concezione secondo la quale ad un politico basta realizzare una cosa positiva per far sì che tutte le altre passino in secondo piano, un po’ come Berlusconi e l’abolizione della tassa di successione.

Dunque, l’architettura, dicevamo.
Simbolo del razionalismo fascista, all’EUR, è il Palazzo della Civiltà Italiana, altrimenti noto come Palazzo della Civiltà e del Lavoro, super-altrimenti noto come Colosseo Quadrato, mega-ultra-altrimenti noto come Groviera.

Una colata di cemento parallelepideoidale trapanata di archi su ogni lato.
Cinquantaquattro a facciata, per la precisione.
Sei file orizzontali di nove archi ciascuna, per la ancor-più-precisione.
Sei come le lettere di Benito, nove come quelle di Mussolini.
Meno male che a Stefania Prestigiacomo non è mai venuto in mente di innalzare un momumento in suo onore, altrimenti Roma avrebbe più buchi dei conti pubblici Italiani.

In cima a ogni facciata, una scritta recita:

VN POPOLO DI POETI DI ARTISTI DI EROI DI SANTI DI PENSATORI DI SCIENZIATI DI NAVIGATORI DI TRASMIGRATORI

Questa dicitura, però, è a mio parere ormai obsoleta; manca qualcosa:

DI MAFIOSI DI CAMORRISTI DI CORROTTI DI LADRI DI STRAGISTI DI MAMMONI DI OZIOSI DI PIDVISTI DI SERVI DI CATTOLICI DI TRVFFATORI

Che ne dite? Chi me l’appoggia? Appendiamo uno striscione integrativo?

Post correlati secondo criteri di dubbia valenza scientifica

Commenta

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *