Su e giù da un palco

Si può dire che ieri c’è stato il primo concerto di Starlette.

VERSIONE UFFICIALE.
Un successo incredibile! Due ore e mezza di concerto davanti ad una folla di trentamila persone estasiate da un sound di grandissima qualità. Tre volte Starlette ha abbandonato il palco, tre volte è stata richiamata a gran voce dal pubblico che urlava “fuori, fuori!”. Un delirio di synth e luci stroboscopiche, un ballo costante alternato a momenti di grande serietà. Il tutto si è chiuso con una commovente cover di Yesterday.
Questo il commento di un commosso Paul McCartney:

Starlette è l’unica grande realtà del panorama musicale mondiale. Quando ho sentito che hanno suonato quella canzone, non lo nego, ho avuto un groppo in gola.

VERSIONE UFFICIOSA.
Un fallimento vergognoso! Circa cinque minuti netti di concerto, una Jack che ha perso tutta la polifonia, una Apatia (in caso di assunzione prolungata) iniziata a velocità maniacali ed interrotta dopo venti secondi, una In mente stoppata in maniera brutale dagli anziani del gruppo. Circa cinque o sei gli spettatori assenti, il concerto più punk della storia. Ma questo è un buon segno: sono abituato a farmi staccare gli strumenti a metà concerto, quando suono.
Torneremo alla ribalta, bastardi.

Post correlati secondo criteri di dubbia valenza scientifica

Commenta

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *