Comuanali 2 (back from the world of cryptosys)

Qualche rapida osservazione sullo svolgimento (ancora parziale) di queste comuanali…

1.
Quando, nell’aprile 2005, 40 milioni di Italiani (quasi il totale degli aventi diritto) votarono per le elezioni regionali, con la famosa stravittoria del centro-sinistra, Berlusconi ammonì: “Ricordate che queste sono elezioni parziali che non hanno valenza nazionale!”. Ora, con meno della metà dei cittadini al voto, le elezioni comunali hanno incredibilmente assunto “valenza nazionale, e saranno il primo avviso di sfratto per Prodi”.
Mah.

2.
Tra i 13 e i 18 punti percentuali di vantaggio a Veltroni nei confronti del fascista Alemanno: questo è amore per Roma (dei cittadini, però, non del teppistello).

3.
Ma perché quando ci sono le elezioni regionali e comunali il centro-sinistra stravince sempre, mentre quando si va alle politiche si dimostrano tutti Berlusconiani?
Mah.

4.
Letizia Moratti! Grande! Finalmente una donna sindaco di Milano! Va be’, cazzo però! Non potevano scegliere una donna un po’ migliore? Dopo aver distrutto la scuola distruggerà anche Milano – e questo, forse, non è un male! Tra l’altro ricordate che alle precedenti comunali Albertini (il sindaco ora uscente, quello dei fascisti) prese il 57,5% contro il 30% del candidato del centro-sinistra, separati dal quale si presentarono, ad onor del vero, Milly Moratti e Di Pietro, con i quali comunque la sinistra non sarebbe arrivata al 40%. TOTALE: 17% di differenza. Alle proiezioni delle sei (attendibili quanto una scorreggia di koala) la fascista e Ferrante sono appaiati. Ma quanto vende ‘sta politica del manganello?
Mah.

5.
BASTA CUFFARO! Ma ditelo, Siciliani! La mafia VE PIACE! Ammettetelo! E’ come se si candidassero Gandhi e Reagan e vincesse il secondo!
Mah.

Post correlati secondo criteri di dubbia valenza scientifica

Commenta

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *