Viva l’8 dicembre

Oggi è l’8 dicembre, festa dell’Immacolata o chi sa cos’altro. Vorrei incontrare chi ha deciso che, durante le festività, bisogna essere sempre felici, bisogna riunirsi in famiglia e fare banchetti luculliani. Probabilmente la persona in questione una famiglia ce l’aveva, e io no. E allora perché devo adeguarmi a questa convenzione? Perché devo cercare di riunire gli ultimi stralci di parentela che mi rimangono?

È una cosa che non sopporto. È come se io dicessi: “Il 3 marzo di ogni anno bisogna assolutamente suonare la batteria tutti insieme”. Io la batteria ce l’ho, e la so suonare. Ma tu, lui, lei, loro, no. E allora perché dovrebbero adeguarsi? Perché devo imporre qualcosa che nessuno può dimostrare come realtà assoluta? Bisogna davvero essere felici durante le feste? A me il Natale, la Pasqua ilcapodannol’immacolataferragosto non dicono proprio niente. Se possibile, mi rendono ancora più triste.

E mi rendono triste proprio per colpa di questo stronzo, che ha deciso di imporre implicitamente le riunioni familiari durante le vacanze, forse proprio per far rodere il culo a chi una famiglia non ce l’ha, e magari non ce l’ha mai avuta. Io non ho un padre, ho a stento un fratello, ho una madre che dopo la dipartita di papà è più morta di lui. E l’unico posto dove potrei ritrovare la mia famiglia è al Camposanto, o al limite in qualche sperduta area del mio cervello. E più la cerco, più mi ci arrovello, più mi faccio male.

La gente che hai intorno, però, da te esige sempre felicità, esige sempre il sorriso e mai mla lacrima. A questa gente chiedo: quanto mi conoscete? Quanto pensate di poter dire di volermi bene se mi avete sempre e solo visto ridere e mai piangere? Ogni passo in avanti, in questa vita, è un pezzo in più di morte. Ma la vita va sempre osannata, e la morte respinta o al limite solo temuta. La morte non può essere desiderata, nella maniera più assoluta, perché è sbagliato. Ma chi l’ha stabilita questa cosa?

Chissà, forse il solito stronzo che ha scorreggiato quella cazzata sulle festività.

Commenta

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *